Sally’s Cafe and Bookstore – New on the Shelves – The Annwyn’s Secret by Claudine Giovannoni

Smorgasbord - Variety is the spice of life

new-on-the-shelves-updateSwiss author Claudine Giovannoni has several books published in Italian and has received some excellent critical reviews for them. Unfortunately, none as yet have been translated into English and Google translate, whilst great at giving your basics is not the best tool to use for capturing the more literary specific words and nuances.  However, Claudine has translated one of her books into English and it was published in 2016 and we welcome her to the shelves of the bookstore.

The Annwyn’s Secret blends together Celtic myth and New Age Mysticism in a unique, dystopian vision of the future

copertina_inglese_the_annwyns_secret

About the book.

Chrysalis is an Annwyn, a being of great potential and power whose purpose is the betterment of humankind. In a world ruled by the totalitarian hegemony known as the Unified Power, this task is not easy and everything is not as it seems.

Together with her brother Joshua and…

View original post 648 more words

Advertisements

20 questions: Interview by writer Don Massenzio

Interview by Don Massenzio, see the author blog.

Today we sit down with author Claudine Giovannoni.  She is going to tell us about her inspiration and work.

Please enjoy this edition of 20 Questions:


claudine-giovannoniQ1) When did you first realize you wanted to be a writer?

I loved to intrigue people with my stories since I was able to speak… I always kept a diary and when I started flying around for work, I used to write down many things from my feeling, the countries I visited, the people I met, about their habits… albeit some funny and some sad stories.

Q2) How long does it typically take you to write a book?

A couple of years. I am never in a hurry, and the ideas have to first ripen… priorities are my kids and family, my cats… I am morally involved protecting fauna and flora (my husband is the World Wildlife Foundation – WWF president in southern Switzerland)… as Buddhists, we have much to share with whom are interested. I build up several ideas of changing the bad things happening in the world, so I start giving a good example.

Q3) What is your work schedule like when you are writing?

I go around with a moleskin block notes. Ideas happen during the most improbable moments; I keep a trace, make some drawings, and try to fix the “instant” sometimes with music… but most of all I need to be in a quiet place, with some of my cats, the laptop, and my notes.

Q4) What would you say is your interesting writing quirk?

I like to imagine something magic, although for many people magic require such an openness of mind to understand…

Q5) How are your books published?

I was lucky enough to get my books published the traditional way. I am afraid I would not be able to be an “indie” even I do not know from where I should start. I need to have a book in my hands. Feel the paper and get the smell of the ink into my nostrils.

Q6) Where do you get your ideas for your books?

Mostly from my dreams. I am capable of dreaming with open eyes as well… Actually, there is always some autobiographical note… especially when I describe places and/or peoples.

Q7) If you don’t mind sharing, when did you write your first book and how old were you?

My first novel is a kind of collections of many adventures I told my kids when they were little. It was around 14 years ago. In the book, I describe many places I have seen when working for an airline, and the “adding” some touch of fantasy. There are four dragons, the protectors of the Earth, Fire, Water, and Air, which are taken from the old Japanese mythology.

Q8) What do you like to do when you’re not writing?

Travel around the world with or without my family, be in nature or stay lazy with my beloved cats… or help others.

Q9) What is your favorite book?

The Lord of the Rings

Q10) What do your family and friends think of your writing?

They all love my novels (or if they do not, actually then do not tell me). Sometimes you need to be captivated by the topics, which are tied up with myths, especially the Irish ones, and the traveling everywhere around the planet. We have such a beautiful Home! It is important to describe it with many emotions; this should help people to care more for Planet Earth…

Q11) What was one of the most surprising things you learned in creating your books?

That dreams took consistency.

Q12) What do you hate most about the writing process?

The “cleaning up and cutting down” to make a story more easy to read and understand. Sometimes I am very poetic and I like to express it by digressing in descriptive details very precise. The reader (maybe closing her/his eyes to ease the process) may be convinced of being personally in the story.

Q13) How many books have you written? Which is your favorite?

I published five books, but my favorite is the last one that is not jet published. Taiga’s Dream tells a story about a cellist and her daughter, a prodigy young violinist… Fiona Moira and Vladimira took the Tran Siberian train to the Lake Baikal: there is the mysticism of the Shamans and the magic of Music in each page. Both my kids and my husband just inspired me, since they are musicians.

Q14) Do you have any suggestions to help us become better writers? If so, what are they?

Actually, I prefer to call myself “citizen of the world”, I am not a writer.

I still learn each day something more from all the bloggers and books I read… I do not know if there is a “perfect” writer, each one of us can write. I try just to remain myself, a person in love with life, who cares about nature and all sentient beings. Writing is a way to give others to feel some special emotions, to take them along the story and really make them “participate” and be involved. I guess is important, to be honest with the readers and share with them openness without bluffing.

Q15) Do you get feedback from your readers much? How and what kinds of things do they say?

Some people do not like to write feedbacks and I do not ask or force them, sometimes I can tell from a cute smile that a friend loved a story I wrote. Others say that you need to read a couple time my novels since there are so many details that you miss because you hurry ahead to see how the plot develops. For some of them maybe I am a bit too much poetic within descriptions… but there are not enough words to describe the beauty of a sunset!

Q16) What is your preferred reading audience?

Sensitive people. People who want to change the world for the future generations, people who are convinced they can make a difference! The one who believes strongly in a better world and into the power of our mind to reach the highest goals. How to explain it? An adult who still nourish the child inside himself… if this is enough clear for you.

Q17) What do you think makes a good story?

Depends, on the audience. I am very meticulous when I choose a new book. I do not like to be misguided by marketing actions, which are the makers of the best sellers, mostly full of sex and violence. I like to plunge into something quite different, something that leaves me a strong emotion but has not to be by forced empathy. Definitely, this is very subjective and maybe related to a special personal mood.

Q18) As a child, what did you want to do when you grew up?

I guess am still a little girl, believe me.

I wanted to become an astronaut. I did not even start getting serious into it since I was not good in math and physics’. Anyhow, I spent more than 12.000 flight hours at 10.000 meters above the sea level… isn’t that amazing?

Q19) Where can we find your books?

The first four, in the original Italian version, you may order them on the web IBS or directly in a bookshop; the last Novel “The Annwyn’s Secret” is translated into English by Austin Macauley Publishers Ltd. – London and is available on Amazon.

https://www.amazon.co.uk/Annwyns-Secret-Claudine-Giovannoni/dp/1785544632/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1471286135&sr=1-1&keywords=the+annwyn+secret

Q20) Can we learn more about you and your writing?

Yes. Click on this link for an article about one of my books:

https://translature.wordpress.com/2016/08/17/the-annwyns-secret-by-claudine-giovannoni/

Claudine’s Books:

cover1Il Kumihimo del Sole (novel – Seneca Edizioni Torino 2006 ¦  Italian)

cover2Il Cristallo della Pace (novel – Seneca Edizioni Torino 2010 ¦  Italian)

cover3Nebbie nella Brughiera (novel – Seneca Edizioni Torino 2009 ¦  Italian)

cover5I quattro Elementi (illustrated story – Macromedia Edizioni Torino 2010 ¦  Italian)

cover4Tracce (poetry anthology – Edizioni Ulivo Balerna 2011 ¦  Italian)

cover6Il Segreto degli Annwyn (novel – Edizioni Ulivo Balerna ¦  Italian)

The Annwyn’s Secret (novel – Austin Macauley Ltd. – London ¦ English)

Connect with Claudine:

https://claudinegiovannoni.com

https://annwynsecret.wordpress.com

https://taigasdream.wordpress.com/

“Il Segreto Degli Annwynn” di Claudine Giovannoni

With great pleasure I’m sharing with you a nice review by Marianna Altamura: it’s so pleasant to realize that the message of the novel (although very cryptic) is enjoyable! The reader has captured with great insight and wisdom the fulcrum around which the story takes shape…
Con molto piacere condivido con voi una bella recensione di Marianna Altamura: è così piacevole realizzare che il messaggio del romanzo (anche se molto criptico) è fruibile! La lettrice ha catturato con enorme perspicacia e saggezza il fulcro attorno al quale la storia prende forma…
Enjoy the reading # buona lettura :-)claudine

 

Premessa
Il blog di Claudine Giovannoni è stato curiosamente il primo che  ho cominciato a seguire subito dopo aver aperto l’account su WordPress, qualche anno fa. Un incontro casuale. O for se no. A parte la questione del multilingua, che mi aveva attirata in un primo momento, nel suo blog ho riscontrato una grande sensibilità nel trattare alcuni temi a me cari: il viaggio, la letteratura, la musica e la natura. Dopo aver seguito virtualmente la presentazione del suo ultimo libro (non il primo) e dopo averci girato attorno per un po’, mi sono decisa a contattare l’autrice per poter acquistare una copia. Oltre alla questione dell’unicità del libro, sicuramente oggetto di attrazione per gli amanti dei libri (infatti, non è possibile acquistarlo nelle librerie, a meno che non ci si trovi in Svizzera), mi avevano incuriosito i temi che mi era sembrato di individuare: la mitologia, il viaggio e, il più importante, la natura. L’aspettativa era quella di ritrovare nel libro la raffinata sensibilità dell’autrice che avevo scorto fra gli articoli del blog; la lettura ha confermato la suddetta aspettativa ed è con piacere che ho deciso di dare il mio contributo di lettrice e presentare il suo libro in questo piccolo spazio. Quella che segue è l’interpretazione di una lettrice. Ringrazio Claudine per la gentilezza, per gli spunti (tanti) e per le emozioni che ha messo nel suo libro.

 

Aconteceu aqui, mas poderia ter sido em outra parte do mundo.
Ou talvez não. Talvez os acontecimentos estejam em fila,
ordenados, justos, esperando para colidir com as pessoas,
e as pessoas, iludidas, pensem que a colisão além de natural é aleatória.

 

È successo qui, ma sarebbe potuto succedere in un’altra parte del mondo.
O forse no. Chissà che gli eventi non stiano tutti in fila, in ordine,
aspettando giusto di entrare in collisione con gli individui
e quest’ultimi, illudendosi, pensano che tale collisione sia tanto naturale quanto casuale.
Ondjaki, E se Amanha o Medo.

 

Il 2022, una data molto vicina al lettore del 2016, è stato colpito da un terribile cataclisma ambientale che ha decimato gravemente la popolazione mondiale. I superstiti sono stati costretti a spostarsi nelle poche zone della terra ancora vivibili e si sono dovuti adattati a strette misure di sicurezza, al fine di poter rispondere adeguatamente a frequenti situazioni di emergenza.
copertina_finaleIl Segreto degli Annwyn, ambientato nel XXIII secolo, presenta al lettore un tempo probabilmente diverso da quello che ci si potrebbe immaginare nella meno negativa delle ipotesi. Forse deluderà le aspettative, d’altronde nello stesso modo in cui il XXI secolo deve aver deluso le aspettative delle generazioni precedenti, ma metterà il lettore davanti ad una cruda realtà: la distruzione della natura, un processo già in atto da molto tempo. Nel XXIII secolo molte cose sono cambiate e la tecnologia ha raggiunto livelli esorbitanti. Tuttavia, per molti altri aspetti l’umanità ha compiuto molti passi indietro: la natura ha subito danni irreversibili e molte specie viventi si sono estinte. Durante tutta la lettura del romanzo aleggia la macabra minaccia del disastro ambientale ed impera il monito del dover agire, subito, per cercare di arginare il cataclisma ormai prossimo; purtroppo non si tratta di finzione né di fantascienza.
Notevoli cambiamenti sono stati fatti in merito alla sfera politica e finanziaria del globo e il Potere Unificato è emerso come una sorta di partito unico (che mi ha ricordato i tratti del Grande Fratello di George Orwell), il quale si avvale del servizio per la sicurezza svolto dal corpo della Squadra Sperimentale. Se da una parte il Potere Unificato si è distinto per aver preso le redini del mondo in un momento di devastante confusione, dall’altra parte le sue decisioni hanno leso le basi della libertà dei suoi cittadini.

Le vicende del romanzo sembrano svolgersi seguendo cerchi concentrici, su cui si collocano molteplici personaggi e azioni parallele; essendo il centro occupato da un nucleo di tre protagonisti: il punto di partenza è ad Ascona, in Svizzera, dove vi sono Chrisa, suo fratello Joshua e il loro fedele amico irlandese Marius, il quale sembra aver sempre vissuto per mare e che, solo in un secondo momento, rivelerà la sua natura mitologica.
Fra Chrysa e Joshua, entrambi ventenni, c’è un amore incondizionato familiare condito con quell’ingrediente che solo fratelli e sorelle conoscono, un rapporto complice e perennamente puerile, ombreggiato però dalla morte prematura di entrambi i genitori, avvenuta pochi anni prima degli eventi qui narrati in circostanze oscure e mai chiarite.
Chrisa e Joshua, rimasti orfani, hanno deciso di vivere sulla barca di famiglia che la defunta madre aveva chiamato Avalon Mist, rievocando l’isola avvolta nella nebbi su cui re Artù fu trascinato dopo essere stato ferito in battaglia e dove, secondo alcune leggende, era stata fabbricata la sua spada.
Le vicende narrate nel libro si svolgono per mare, per terra e per aria, richiamando le parole che Claudine Giovannoni usa per presentarsi ai lettori:

«Avendo girato il mondo di terra, di mare e d’aria sempre alla ricerca di nuove emozioni e per conoscere nuove culture, mi piace definirmi “Una Cittadina del Mondo”».

Chrisa, sebbene nata da genitori mortali come suo fratello genetico, è un’Annwyn, ovvero fa parte di un gruppo di individui che l’autrice presenta con le seguenti parole:

«Questi “sognatori”, comunemente chiamati Annwyn, sono provvisti della stessa struttura molecolare umana nella finalità di proteggersi camuffando la loro presenza tra di noi, ma il potere della loro mente è incommensurabile.
Gli Annwyn iniziarono a giungere in gra numero sul pianeta Terra attorno alla fine del secondo millennio. Dapprima, a decorrere dal 1970, furono trattati come casi anomali […] Solo in un secondo momento, grazie alla scoperta di codici antichissimi si comprese il vero motivo della loro presenza sul pianeta: aiutare gli esseri umani a progredire spiritualmente e quindi salvarsi dall’imminente cataclisma planetario, predetto fin dall’antichità».

IMG_4204[1]Dunque, gli Annwyn sono dei sognatori che riescono ad andare oltre la realtà delle cose; essi sono in grado di viaggiare fuori dall’involucro corporeo in una dimensione metafisica nella fase di Rapid Eye Movement del loro sonno. Nella mitologia gallese Annwyn era il nome dato al regno dell’oltretomba; in alcune fonti mitologiche si legge che”[…] all’inizio non c’era nulla, solo Dio e l’Annwyn”, l’inizio dell’Universo.

In uno dei viaggi notturni, proprio quello che inaugura le vicende del libro, Chrisa inciampa (non casualmente) in un oggetto misterioso che raccoglie e che, successivamente e con l’aiuto di Marius, riesce a identificare come la Matrice Vibrazionale. Si tratta di uno strumento apparentemente inerte, ma che sembra possa essere messo in moto per rompere lo specchio della Proiezione e dissolvere il ciclo di nascita, morte e rinascita.
Una serie di eventi turba l’equilibrio iniziale. Un’indefinita minaccia, proveniente da non si sa bene dove, irrompe fra le pagine del libro e si ha la sensazione che per i protagonisti sia giunto il momento di fare qualcosa di estremamente importante. Intrigante e curiosa è la presenza di personaggi provenienti da altri mondi: Hator, che sembra esser stato legato a Chrisa sin da tante antecedenti vite, Lord Warden, un essere mitologico senza età con dei piani possibilmente malefici, Gwynn ap Nudd, ovvero il figlio bianco della notte, ed altri che qui non nominerò.
Così, minacciati da ciò che potrebbe mettere a repentaglio le proprie vita, Marius, Chrysa e Joshua volano in un’Irlanda ancora abbastanza simile a quella del passato (o del presente di noi lettori), conservatasi come protetta da un incantesimo, e si raccolgono attorno ad un luogo importante per la mitologia celtica, il monastero di Clonmacnoise.
Ben presto si attiva un triangolo energetico che collega Svizzera, Francia e Irlanda, in cui i riti pagani, le voci dell’antichità,forze ed energie sconosciute si uniranno per portare a termine un compito mistico e divino.
In realtà, il viaggio affrontato dai protagonisti è di tipo metafisico e procede nella  in direzione dell’assoluto

scuola di atene.gif

dell’essere, dell’infinito e dell’unità armonica. Si intrecciano in modo complesso le teorie filosofiche dell’essere e quelle religiose di matrice buddhista. “Come in basso, così in alto”, furono le parole di Ermete Trismegisto sulla tavola di smeraldo che, non casualmente, aveva lo stesso colore dominante della terra d’Irlanda.
Ha un ruolo rilevante la teoria fisica della meccanica quantistica, la quale dimostra che l’essere umano è un tutt’uno con l’universo: esiste una matrice (vibrazionale) che è il collante di tutto; la materia è vibrazione e la vibrazione è energia.
In effetti, la lettura del libro implica un esercizio mentale di comprensione, e in questo il lettore è molto vicino a Joshua, l’unico protagonista della triade completamente umano. Così come il giovane si ritrova a sfidare la sua facoltà mentale per poter seguire sua sorella in uno dei suoi viaggi notturni oltre la realtà, analogamente il lettore deve entrare nella giusta dimensione spirituale per poter seguire il viaggio dell’essere.

Il fulcro della questione orbita attorno uno dei più comuni temi nella letteratura: una volta compiuta la scissione (uomo/donna, male/bene, vita/morte e così via), la felicità e la pace sono svanite, perse nel mistero dell’essere. Così gli umani si affannano nella ricerca di qualcosa che non hanno (o che hanno perso), persino dominando e distruggendo per affermare il proprio io:

«C’era qualcosa di intrinseco, che si pensava fosse insito nel DNA degli umani: la presenza del diabolico! Da cui l’eterna lotta del bene contro il male! Lungo i secoli l’uomo progrediva per poi ricadere nel limbo della propria incoscienza, continuando ad errare e a generare orrore e distruzione attorno a sé».

Solo esseri superiori (Annwyn inclusi) riescono a cogliere il vero dono della vita umana, che é semplicemente l’estensione della natura stessa:

«Il nostro è un dono meraviglioso, Marius. Vedi qual é il nostro potere? Credo che ogni creatura abbia il suo posto in questo universo. Il problema subentra quando qualcuno mira all’egemonia ed al controllo sopra ogniforma vitale».

I protagonisti si affannano per cercare di sbrogliare gli enigmi in cui inciampano, dovendo trovare delle spiegazioni e fare delle scelte di capitale importanza. In tutto questo, a nulla serviranno gli sforzi dei membri della Squadra Sperimentale, che risulteranno essere tagliata fuori da questa specie di “dimensione magica”.

In verità, a mio avviso Il Segreto degli Annwyn lascia avvolte nel mistero molte questioni, fino alla fine. Però, se da un lato non vengono sciolti tutti i nodi delle vicende, dall’altro lato la narrazione fornisce gli indizi per una delle possibili chiavi di comprensione dell’esistenza.
Einstein dimostrò con una formula fisica che tutto è relativo, facendo sprofondare le certezze del mondo moderno nello sconforto. Tuttavia, gli esseri umani sono in grado di modificare le vibrazioni, ovvero le particelle subatomiche della materia (di cui essi stessi ne sono parte), sia con pensieri che con parole ed emozioni. Dunque, noi siamo fautori del nostro destino e nulla è dato al caso.

La scrittura del romanzo è molto fluida ma, nello stesso tempo, estremamente ricercata e attenta al dettaglio che potrebbe  suscitare nel lettore un’emozione. Si nota chiaramente che dietro la stesura del testo ci siano approfondite ricerche, sia in merito al materiale trattato (fra cui la mitologia e la filosofia), sia per la scelta delle parole e per la sintassi. Si mescolano elementi del fantasy con quelli del genere della favola, ma si rimane con i piedi per terra. Tuttavia, ho trovato che verso la fine del testo la scrittura cambi e si frammenti un po’ troppo con l’aumentare delle azioni parallele. Le sequenzedel racconto finiscono col coincidere con brevi capitoli che, per quanto descrittivi e per quanto aumentino il phatos della narrazione, talvolta si muovono talmente velocemente da frammentare il discorso.

Credo che spetti al lettore scoprire il segreto degli Annwyn, coloro che dovrebbero aiutare a far convogliare le vibrazioni del pianeta Terra nella giusta direzione. In fin dei conti, gli Annwyn sono fatti della stessa materia degli esseri umani ma, al contrario di questi ultimi, hanno una maggiore sensibilità e si concedono una maggiore libertà nel sognare.

 

 

Translature

Premessa
Il blog di Claudine Giovannoni è stato curiosamente il primo che  ho cominciato a seguire subito dopo aver aperto l’account su WordPress, qualche anno fa. Un incontro casuale. O for se no. A parte la questione del multilingua, che mi aveva attirata in un primo momento, nel suo blog ho riscontrato una grande sensibilità nel trattare alcuni temi a me cari: il viaggio, la letteratura, la musica e la natura. Dopo aver seguito virtualmente la presentazione del suo ultimo libro (non il primo) e dopo averci girato attorno per un po’, mi sono decisa a contattare l’autrice per poter acquistare una copia. Oltre alla questione dell’unicità del libro, sicuramente oggetto di attrazione per gli amanti dei libri (infatti, non è possibile acquistarlo nelle librerie, a meno che non ci si trovi in Svizzera), mi avevano incuriosito i temi che mi era sembrato di individuare: la mitologia, il viaggio e, il più importante, la natura. L’aspettativa era quella di ritrovare nel libro…

View original post 1,725 more words

Presentazione letteraria * literary presentation

Un’occasione da non mancare: ascoltare dal vivo il  quartetto d’archi “I Fulmini”  (Francesca, Sara Luna, Valentina e Antonio) che ha conseguito un primo premio al concorso svizzero di Neuchâtel lo scorso mese di marzo e il 19.4.2015 un secondo premio al concorso internazionale di Legnago.
Con la presentazione del mio ultimo romanzo “Il Segreto degli Annwyn”  che attualmente viene trasformato in una sceneggiatura per film… e vi parlerò della sua prossima pubblicazione lingua inglese a livello internazionale.

Vi attendo numerosi il giovedì 23 aprile 2015 dalle 17:30 presso la:

Biblioteca comunale di Giubiasco – Viale 1814  N°3 – 6512 Giubiasco

.

“La vita è fatta di tante emozioni…

queste, le voglio condividere con voi!”

.

dr. Sella’s henchmen

Ascona

On board another vessel, moored at 100 meters a crow flies from the Avalon’s Mist, a person holds on in his big sweaty hands a pair of binoculars. Apparently he’s interested in the preparations that fervently occupy the marshals and several other people: they are placing buoys and rafts which will be used the next day for the race. Annoyed, the man wipes his forehead and behind the neck with his arm covered with a beige linen shirt with gaudy purple lines. The small bloodshot eyes and the crew-cut hair, give him a little reassuring look.

– Damn! I didn’t need this situation. Too many people, too many witnesses: call him, we can’t implement what we have been commissioned. Ask the Chief if there is an alternative plan, otherwise we must wait.

The man arrogantly throws the binoculars to another enormous guy with a face that would scare the bravest dockworker. These catches the binoculars and places it on the counter as he blurts out in a couple of curses before answering:

– Okay. But for me there are no problems. A sharp blow to the neck and…

The voice is harsh, with a strange indefinable accent, he brings both hands on the collar and makes a very significant gesture.

The one which appears to be the more intelligent of the two answers:

– Asshole, but where do you have your brain, you moron! I remind you that we aren’t here to impress any female in search of adventure, idiot. You do think with what you have between your legs. You do what I say and try not to use that too little brain of yours, it’s better for both of us!

[…]